• Aggiornamenti costanti sulle attività e gli eventi dell'associazione

Giorno dell’amicizia…grazie per esserci!

Senza categoria | venerdì 14 Febbraio 2020 08:48

Cari amici, nel giorno in cui in Perù si celebra la festa dell’amicizia, vogliamo inviarvi le bellissime parole che, con affetto e amicizia sinceri, ci ha scritto il fondatore ed educatore di strada Martin Milla dal Perù, per stringerci in un forte abbraccio e ringraziarci di cuore a nome di ragazzi e operatori del nostro progetto di Lima..leggetelo…è davvero bello!

Cari volontari e amici di Sinergia, sono molto felice di potervi salutare a nome dei bambini e degli adolescenti della nostra casa di accoglienza, degli ex-ragazzi e ragazze che vi hanno vissuto, dei bambini, degli adolescenti, dei giovani e delle famiglie che sosteniamo per strada e nei quartieri emarginati di Lima e degli operatori di Sinergia Por La Infancia. Vi stringiamo tutti in un grande abbraccio e Ci congratuliamo con voi per questo sedicesimo anniversario.

Mentre scrivo queste righe, mi tornano alla mente, momenti molto speciali che abbiamo condiviso come organizzazioni sorelle, molte delle quali direttamente con i volontari che abbiamo avuto la gioia di ricevere qui nella casa di accoglienza, come Alessandra, Francesco, Erica, Roberto, Stefania, Selena, Lucia, Sabina, Marta, Anna, Enrico, Paola, Maria, …  La vostra presenza ha arricchito il nostro cuore e sapere che siete ancora così attenti a noi, nonostante gli anni trascorsi, ci incoraggia e ci rende davvero orgogliosi. Tuttavia voglio iniziare sottolineando in particolare, i tanti momenti in cui i nostri cuori sono stati colti da grande sorpresa all’apprendere che, a migliaia di chilometri, persone che non ci conoscono direttamente, hanno dedicato e dedicano parte del loro tempo e impegno a mantenere e alimentare il sogno che un mondo migliore sia possibile, solo nella misura in cui ci prendiamo cura dei nostri fratelli più piccoli, indipendentemente dalla nazionalità, dalle distanze o dalle razze. Siamo un unico mondo. A loro, ai soci, ai volontari e agli amici di Sinergia il nostro più sincero grazie per credere in noi anche se non ci vediamo direttamente. Noi sappiamo che voi ci siete.

L’emozione mi rende molto attento a scegliere con cura le parole da rivolgervi perché, anche se questi paragrafi non riusciranno mai ad esprimere l’enorme gratitudine che proviamo nei vostri confronti, le loro righe sono cariche di esperienze profonde, che mi spingono a sforzarmi a trasformarle negli abbracci più calorosi di tutte quelle persone che Sinergia e Sinergia Por La Infancia hanno aiutato e aiutano. Voglio servire da ponte per farvi arrivare gli abbracci di chi, nonostante la giovane età, lotta giorno dopo giorno per le strade per tenere svegli i propri sogni, mentre svolazzano come farfalle disorientate in cerca di amore, rispetto e opportunità; gli abbracci di chi non si abbatte lottando, dall’alba alla notte, contro gravi malattie; gli abbracci di quei ragazzi che le sbarre di una cella non hanno saputo frenare dal continuare a sognare una vita migliore; gli abbracci delle madri che affrontano coraggiosamente la povertà per dare sostentamento ai propri figli; e soprattutto gli abbracci dei nostri ragazzi e degli ex-ragazzi della nostra casa di accoglienza, il cui amore per la vita, anche se questa è stata per loro piena di avversità fin da piccoli, è sempre più una fiamma viva di speranza e di fiducia per tutti noi. “Quella stessa fede con cui possiamo estrarre dalla montagna della disperazione una pietra di speranza” come diceva Martin Luther King.

Grazie anche a tutti voi per essere pietre di speranza per ciascuno di noi.

Prima di salutarvi stringendovi in un forte abbraccio, voglio concludere rivolgendomi agli amici che condividono il complesso compito di essere il motore di Sinergia e Sinergia Por La Infancia. Ai membri del direttivo della nostra associazione, voglio esprimere di nuovo, così come ho fatto negli anni passati, anche se siete persone diverse, la speciale gratitudine per i compiti e le attività che svolgete e per aver fatto di questa piccola associazione un grande miracolo di solidarietà. Infinitamente grazie alla nostra presidente Sabina, a Marco ed Erika che la accompagnano e a te, Alessandra, che continui ad ispirarci affinché questo sogno continui ad essere una realtà per molti fratelli e sorelle emarginati.

Tantissimi auguri, Sinergia!


Grazie per i 16 anni insieme a Sinergia!

Messaggi di servizio | sabato 25 Gennaio 2020 15:44

Buon compleanno alla nostra associazione Sinergia Onlus che il 27 gennaio compirà i suoi 16 anni di vita e attività solidale. Siamo orgogliosi di quanto siamo riusciti a fare per gli altri, insieme a voi tutti.

Ci sentiamo una grande famiglia di cui tutti possono entrare a far parte con i propri sogni e le proprie capacità. Ci auguriamo che il filo luminoso che unisce i nostri cuori e le nostre anime continui ad essere alimentato da puro spirito di servizio verso gli altri, così che la purezza dei nostri intenti si traduca in interventi di aiuto di qualità per i nostri ragazzi peruviani e per tutte le persone che in futuro potremo aiutare qui in Italia o in altri paesi.

Grazie a tutti voi, in particolare dal nuovo direttivo composto da Sabina Montresor (presidente), Erika Lerco (vicepresidente) e Marco Battistella (segretario), per esserci con continuità al nostro fianco e al fianco dei ragazzi che aiutiamo.

Senza di voi tutto sarebbe più difficile da realizzare!

Buon compleanno a tutti noi per i 16 anni della nostra piccola, ma luminosa associazione!

Viva Sinergia e tutti i suoi soci, volontari e amici!

Auguri di Buon Natale

Notizie da Lima | venerdì 20 Dicembre 2019 07:23

Natale 2019

Carissimi amici,

un grandissimo GRAZIE da tutti i nostri ragazzi ed operatori peruviani per l’aiuto che anche nel 2019 avete dato loro con generosità. Che l’augurio più bello e vero per questo Natale vi arrivi dai sorrisi dei nostri ragazzi, in particolare da quello di Julian (nella foto a sinistra), ultimo entrato nella casa-famiglia.

Julian (12 anni) è arrivato nella nostra casa un mese fa, su richiesta di uno zio che ci conosceva per aver vissuto qualche settimana con noi nel passato. Lo zio ha chiamato Martin preoccupato per il nipote Julian che ha cominciato a sniffare colla da scarpe, fermandosi più tempo in strada, dopo la morte del padre. Tutta la famiglia di Julian, anche la mamma, ha esperienze di vita in strada e di carenze. L’evento che più ha influito però sul percorso in strada di Julian è stata appunto la morte del padre, avvenuta alcuni anni fa. Non si trova bene con il nuovo compagno della madre, anzi sente una gelosia profonda per lui, come se questi gli togliesse l’affetto e l’attenzione materni. Del resto è il figlio minore di vari fratelli più grandi. Ha un leggero ritardo che si manifesta nel suo comportamento, piange e reagisce spesso come un bambino più piccolo della sua età, e nelle difficoltà a scuola, non sa nè leggere nè scrivere.

É stato accolto molto bene dagli altri ragazzi della casa-famiglia che sono tutti più grandi. Sono pazienti con lui anche quando si arrabbia e piange. Hanno capito che dentro è più piccolo della sua età. Julian si sta ancora adattando ai ritmi della casa-famiglia ma ha già trovato stimolanti alcune attività da noi propostegli come il laboratorio di ceramica e oggettistica. La madre sta venendo a visitarlo ma si vede chiaramente che fa fatica a rapportarsi con lui (anche lei ha vissuto in strada quando era piccola). La persona che più capisce e potrà sostenere Julian nel suo percorso di recupero è una vicina di casa della madre che conosce da tempo il ragazzino ed è già venuta a trovarlo più volte. Dimostra di saperlo comprendere e dialoga facilmente con lui.

Includiamo Julian nelle nostre preghiere di questo Natale affinchè possa trovare la forza interiore e possa ricevere l’adeguato sostegno per uscire dai pericoli della strada.

Grazie ancora, cari amici, per aver compreso che i nostri ragazzi, sia in strada che nella casa-famiglia, hanno bisogno di persone che credono in loro, nella loro capacità di cambiare e trovare nuove strade di vita e speranza. Una opportunità per una vita migliore di quella che hanno vissuto finora. Grazie per rendere possibile che il nostro progetto peruviano continui ad offrire ad ognuno di loro nuove strade di speranza.

Possa questo Natale inondare i vostri cuori dell’amore più grande e più puro verso il prossimo e verso chi, anche se lontano, è unito a noi nella fratellanza universale delle nostre anime.

Alessandra e Sinergia tutta

V.V.B per la vita II Edizione

Senza categoria | domenica 1 Dicembre 2019 09:29

È partita la seconda edizione della campagna di raccolta fondi V.V.B. per la vita di cui anche Sinergia e il progetto Perù saranno destinatari.

Sinergia è una delle 4 associazioni certificate Merita Fiducia che sono state scelte dal Gruppo editoriale Athesis per la maratona di solidarietà V.V.B. (Verona, Vicenza, Brescia) PER LA VITA, in favore di 5 realtà (la quinta sarà AIRC) del sociale veronese.

Dal 25 novembre al 8 dicembre SINERGIA sarà coinvolta in questa preziosa campagna di raccolta fondi, e ringraziamo CSV Verona Federazione del Volontariato per aver sostenuto la nostra candidatura.

Per maggiori informazioni sull’iniziativa è possibile rivedere la puntata di Telerena dove Sinergia viene presentata al minuto 12.10 o consultare l’articolo sul giornale L’Arena.

Puoi donare anche tu attraverso un bonifico bancario a favore della Fondazione della Comunità Veronese utilizzando il codice Iban IT 85X05034 11711 000000006210 specificando nella causale destinatario “Sinergia”.

Lotteria di beneficenza: biglietti estratti

Eventi | domenica 24 Novembre 2019 21:14

Campagna vini 2019

Senza categoria | martedì 5 Novembre 2019 18:16

NATALE STA ARRIVANDO…

PENSA AD UN REGALO SOLIDALE PER SOSTENERE I RAGAZZI DI STRADA CON IL PROGETTO DI SINERGIA IN PERÙ

Torna anche quest’anno la campagna natalizia di Sinergia, con la rinnovata collaborazione con la Cantina Manara e la grande novità dei prodotti da forno del Panificio Segala.

Perché non provare anche tu questi prodotti di alta qualità per uno dei tuoi regali di Natale? Un modo “goloso” per sostenere i nostri ragazzi in Perù!

GUSTA I RISOTTI SOLIDALI CON SINERGIA!

Eventi,Senza categoria | venerdì 1 Novembre 2019 06:46

Vendita Torte Solidale

Senza categoria | mercoledì 16 Ottobre 2019 06:13

VOLETE SOSTENERE CON UN DOLCE I NOSTRI RAGAZZI DI STRADA PERUVIANI?

Sabato 19 e domenica 20 ottobre, VENDITA TORTE SOLIDALE, sulla piazza di Settimo di Pescantina (VR)!

Con un’offerta sarà possibile portare a casa una squisita torta casalinga da gustare in famiglia.

Potete partecipare anche preparando una torta da portare al banchetto entro le ore 10.00 della domenica

Vi aspettiamo con i nostri volontari sabato dalle 17.45 alle 19.30 e domenica dalle 7.30 alle 12.00, in occasione delle messe parrocchiali.

Grazie in anticipo a chi potrà aiutare anche in questo modo i nostri ragazzi di strada del Perù.

Per info: 3478881371 – Alessandra

Basebeat dj set per Sinergia

Senza categoria | martedì 1 Ottobre 2019 06:50

Carissimi soci e sostenitori

Siamo orgogliosi di invitarvi all’evento che apre la stagione invernale di iniziative a sostegno dei nostri ragazzi in Perù.

Giovedì 10 ottobre presso La Coopera 1945 di Arbizzano, la Cooperativa Azalea dedicherà a Sinergia una serata di buona musica e cibo. Dalle 19 alle 23, DJ set, bar, cicchetteria e taglieri: parte del ricavato sarà devoluto a favore delle nostre attività a supporto dei ragazzi di strada di Lima.

Noi volontari saremo presenti per far conoscere Sinergia, pronti ad accogliere nuovi volontari e sostenitori.

Un’occasione nuova in un ambiente accogliente e aperto al territorio, quello di La Coopera 1945, che ti invitiamo a scoprire se già non lo hai fatto.

Ti aspettiamo, e ti chiediamo di diffondere il più possibile la notizia, perché sia davvero una serata di condivisione ed energia positiva.

Per maggiori informazioni clicca qui .

DALLA STRADA ALLA CASA-FAMIGLIA

Notizie da Lima | venerdì 13 Settembre 2019 08:03

È stato molto interessante osservare la metodologia che segue Martin, il nostro educatore di strada, per favorire la decisione dei ragazzi di lasciare la strada e venire a vivere nella casa-famiglia. Martin gira per i posti più frequentati della città dai ragazzi di strada: li trova, si presenta e li conosce. In queste occasioni chiede loro come stanno e organizza delle brevi attività come la realizzazione di braccialetti oppure delle partite di calcio. Si preoccupa molto della loro salute e porta con sé il necessario per disinfettarli se hanno delle ferite. Accade spesso che i ragazzi che vivono in strada contraggano malattie della pelle per la sporcizia in cui vivono. È dolce vedere come Martin si prende cura di loro. È attento a tutto. Ad esempio un giorno ha chiesto ad una ragazzina in modo scherzoso come mai fosse ingrassata. Subito ho pensato che non fosse una domanda carina da fare, poi ho capito che era preoccupato che lei fosse incinta. È da piccole domande come questa, fatte con delicatezza, che si vede proprio come mette a loro agio i ragazzi. È un’indagine velata. Si ricorda tutti i loro nomi. Quando in questi incontri informali incontra qualche ragazzo che desidera entrare in casa-famiglia, gli lascia il suo contatto e gli dice di scrivergli o chiamarlo nei giorni successivi per fissare una “riunione”. Questo termine i ragazzi lo hanno interiorizzato molto bene e sanno che prima di entrare in casetta devono farne 3. Nella prima riunione Martin fa alcune domande per conoscere meglio il ragazzo e la sua storia. Gli chiede se è in contatto con la famiglia, fino a che anno ha frequentato la scuola, se assume droghe, da quanto tempo vive in strada, se ha una fidanzata, perché vuole venire in casetta, se è già stato in altri istituti, tuttte domande che fanno parlare il ragazzo di sé. Le riunioni non vengono fissate subito perché Martin cerca di dare ai ragazzi la responsabilità di richiamarlo nei giorni successivi, per vedere anche se sono davvero motivati e interessati a cambiare modo di vivere. Quando un ragazzo fissa un appuntamento e lo rispetta è già una grande conquista. Spesso infatti si dimenticano e non vengono perchè sono sotto l’effetto della colla, oppure non hanno messo da parte i soldi per il bus da prendere per arrivare al luogo dell’appuntamento. Se non si presentano, ciò non significa che perdono la loro possibilità di entrare in casetta, ma che la posticipano perché slitta la riunione fino a che il ragazzo ce la mette tutta per essere presente. La seconda riunione è più strutturata. Martin mostra delle immagini di scarpe diverse e chiede al ragazzo quella che gli piace di più: cosa gli piace o non gli piace di quella che ha scelto e cosa di quelle che non ha scelto. Passa poi ad una valutazione degli aspetti positivi e negativi del rimanere in strada e dell’entrare in casa-famiglia. Per farlo utilizza un foglio con una bilancia sulla quale scrivere queste riflessioni. Alla fine lo fa riflettere sul fatto che a volte bisogna fare delle scelte. Ritira fuori il foglio delle scarpe e sottolinea ad esempio che non c’è il numero esatto della sua scarpa preferita. In questo modo gli fa capire la differenza tra quello che lui vorrebbe e quello che invece conviene. Il ragazzo vorrebbe la scarpa più bella, ma non gli conviene perché è un numero troppo piccolo o grande per lui. Allo stesso modo lo fa riflettere sul fatto che anche nella vita reale succede così, a volte le cose che ci piacciono di più non ci convengono, come continuare a stare in strada. Al terzo incontro il ragazzo viene invitato a visitare la casetta. Anche qui il ragazzo viene responsabilizzato a contattare Martin per raggiungerla. In questa occasione conosce la struttura, i compagni, le figure adulte presenti e gli vengono spiegate regole e funzionamento della casa. Se il ragazzo, dopo queste tre riunioni, è ancora motivato ad entrare in casetta viene accolto a braccia aperte, come un figlio atteso da un lungo viaggio. 

Partecipare a queste riunioni è stato per me una rivelazione perché ho capito quanto sia difficile per Martin far aspettare quei ragazzi. I loro visi e la loro voce inteneriscono perché la loro è una richiesta d’aiuto costante: “Quando posso venire in casetta? Tra quanto vengo in casetta? Mi porti in casetta?”. Purtroppo però è un’attesa necessaria perché permette la buona riuscita dell’inserimento nel progetto. Far entrare subito ogni ragazzino che si incontra per strada sarebbe ingiusto sia per lui, perché non capirebbe la vera importanza di quello che gli viene offerto, sia per gli altri ragazzi già presenti in casa, perché continuerebbero a vedere ragazzi che entrano ed escono. Devo dire che ritengo questo approccio molto valido e ho avuto la fortuna di osservare la competenza che Martin mette in questo delicato percorso.

Grazie, Martin, per essere una figura così importante per questi ragazzi e grazie anche a tutti gli educatori, alla psicologa e all’assistente sociale che lavorano in casetta e che, dopo l’ingresso dei ragazzi nella nostra struttura, li seguono e sono per loro punti di riferimento come dei genitori.

Grazie anche a tutti voi che, dando il vostro contributo, permettete a questo progetto di esistere e a questi ragazzi di scegliere per la propria vita e di non essere schiacciati dalla vita di strada.

Sabina

SUCCESSIVA >